/ Altri sport

Che tempo fa

Cerca nel web

Altri sport | mercoledì 22 novembre 2017, 17:50

Pallapugno. Grande appuntamento sabato a Taggia: presenti i più grandi campioni

La giornata è organizzata da Piero e Dino Olivieri

I più grandi campioni della pallaugno degli ultimi decenni presenzieranno sabato a Taggia.

Ci sarà anche il più grande di tutti i tempi, 'Il Campionissimo', alla 'Giornata del ricordo pallonistico': Felice Bertola. Un giocatore che ha disputato partite diventate già oggi leggendarie e che in carriera è stato campione d'Italia quattordici volte, due come spalla e dodici come battitore, presenzierà all'iniziativa in memoria di giocatori del passato. E non scherza neppure, come titoli, Massimo Berruti (pure lui a Taggia) visto che è stato un grande antagonista di Bertola nonché sei volte campione italiano.

Un evento che alle 11,30 prevede la celebrazione di una messa, da parte di don Vincenzo, nella Confraternita dei Bianchi (San Sebastiano e Fabiano). Si proseguirà quindi nella capacissima cantina dei fratelli Olivieri, figure notissime a Taggia e non solo, per un pranzo dalle molte portate.

Finora hanno dato la loro adesione, oltre a Bertola e Berruti, altri grandi nomi del pallone elastico, o 'balun' o pallapugno, vale a dire Galliano, Aicardi, Ghigliazza, Papone, Giretto, Sciorella, Rosso I e II, Danna, Dotta, Molinari, Pellegrino, Novaro Mascarello e Massone. Tutti nomi che evocano epiche partite e sfide in qualche caso entrate nella storia del 'balun'. Invitato, e ospite, pure il campione italiano di tamburello Aldo Marello. Oltre ad altri amici e appassionati. Bettino Alberti offrirà un omaggio floreale a tutti i presenti.

La giornata è organizzata da Piero e Dino Olivieri. "Rendiamo omaggio - spiega Piero - ai campioni del passato scomparsi. Ma questo incontro costituisce anche un motivo per ritrovarci tutti insieme, noi appassionati di questo gioco che tanta fortuna ha avuto in Liguria e in Piemonte. Sarà l'occasione per riabbracciare tanti amici con i quali, per molti lustri,abbiamo condiviso emozioni e gioie".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore