/ Calcio

Che tempo fa

Cerca nel web

Calcio | martedì 13 marzo 2018, 18:10

Calcio, Prima Categoria. Fine della pausa per l'Aurora, Di Natale: "Lo stop non ci ha aiutati, domani vietato sbagliare"

Il centrocampista, uno dei veterani della formazione di Carnesecchi, sprona la squadra in vista del difficile impegno contro il Bordighera Sant'Ampelio

Dopo un lungo stop imposto dal protrarsi dell’inverno è pronto a ripartire il campionato dell’Aurora. A distanza di circa un mese dall’ultima uscita, il pareggio per 1-1 contro la San Stevese, i gialloneri di mister Carnesecchi si apprestano a ripartire nell’infrasettimanale di domani sera.

Al “Rizzo” di Cairo arriverà il Bordighera Sant'Ampelio, un vero e proprio scontro diretto, ma l’impegno non spaventa Matteo Di Natale, nonostante la lunga assenza di attività agonistica: “Domani è una partita che sicuramente non dobbiamo perdere perché la classifica non ci permette di fare passi falsi e di lasciare punti per strada. Sarà una partita molto dura contro un avversario ostico, ma ce la giocheremo con tutti come abbiamo sempre fatto. Partite complicate ce ne sono ancora molte. Dobbiamo incontrare anche un paio di squadre al vertice. Noi siamo l’unica squadra che ha saltato tre partite, e questo non ci ha aiutati, però ci siamo allenati bene lo stesso”.

Un mese di puro allenamento quindi per i cairesi, pronti al rush finale dopo un inizio di 2018 da incorniciare: “Purtroppo quando il campo era innevato ci siamo allenati al chiuso in un palazzetto per la mancanza di campi disponibili. Attraversavamo un buon momento di forma, fermarci sicuramente non ci ha aiutati, anche perché a non allenarsi in campi normali si perde ritmo e fiato

Dobbiamo raggiungere il prima possibile la salvezza - prosegue il centrocampista valligiano - tutto quello che verrà dopo sarà tanto di guadagnato. Impegni decisivi in casa? Abbiamo fatto buone partite anche in trasferta, quindi credo che il fattore campo conti poco. L’importante è entrare in campo sempre con la giusta concentrazione, grinta e usare la testa ovunque siamo”.

Mattia Pastorino

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore