/ Calcio

In Breve

lunedì 12 novembre

Calcio | mercoledì 12 settembre 2018, 08:00

Calcio, Serie D. Sanremese, il campionato riparte dalla Lavagnese: un avversario ostico e temibile

I genovesi in Coppa Italia hanno perso 0-5 in casa contro il Savona, ma vorranno iniziare il torneo nel migliore dei modi. L'ultimo precedente è confortante

Sanremese e Lavagnese si incontrano in terra genovese, dopo l'ultima sfida nella scorsa primavera (foto Eugenio Conte)

Sanremese e Lavagnese si incontrano in terra genovese, dopo l'ultima sfida nella scorsa primavera (foto Eugenio Conte)

SERIE D - 1^GIORNATA -

ASPETTANDO... LAVAGNESE-SANREMESE

La Sanremese riapre un nuovo capitolo della sua storia calcistica con il campionato di Serie D. Lo farà dalla terra genovese sul campo sintetico della Lavangnese, compagine che da molte stagioni milita nella massima serie dilettantistica nazionale e che da sempre è stato un avversario ostico e temibile da affrontare.

Morale opposto. I matuziani si presentano a questo primo appuntamento forti della qualificazione ottenuta in Coppa Italia contro il Bra, con il match rimontato grazie alla prima perla in maglia biancazzurra di Fall e un Manis superlativo ai calci di rigore. I bianconeri sono invece reduci dalla scoppola rimediata in casa contro il Savona, uno 0-5 che ha male soprattutto alla testa della compagine di Tabbiani. In maglia genovese attenzione agli ex con il dente avvelenato come Fonjock e Lo Bosco, pronti a regalarsi la prima gioia al debutto.

L'ultimo precedente. L'ultima sfida tra Lavagnese e Sanremese si è giocata la scorsa primavera allo stadio "Comunale" e quella fu la seconda partita di mister Alessandro Lupo sulla panchina dei biancazzurri. Il match terminò 2-1 per i matuziani, grazie al rigore di Scalzi e alla rete decisiva nel finale di Lauria, dopo il momentaneo pareggio dei genovesi (sulla panchina dei bianconeri c'era Venuti). Ma tante sono le sfide che cadono all'occhio tra le due compagini come la vittoria all'ultimo secondo della Sanremese targata Soda nei playoff della stagione 2003/2004: decise una magia da 50 metri di Gambardella.

Riccardo Aprosio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore