/ Rugby

Rugby | sabato 13 ottobre 2018, 12:39

Imperia Rugby, il settore propaganda già attivo a livello internazionale: test match globale con la realtà francese

Il programma del fine settimana

Imperia Rugby, il settore propaganda già attivo a livello internazionale: test match globale con la realtà francese

Pronti, via e subito impatto di livello per il vasto ed organizzato settore giovanile dell’Imperia Rugby. Nel fine settimana del 7 ottobre il settore giovanile dagli under 8 agli under 12 ha partecipato ad un intenso incontro con l’omologa sezione del Pays Six Fours, di Le Brusc, importante realtà del dipartimento del Var.

Scuola tolonese, dunque e quindi, scuola di assoluto livello. Come ovunque e forse più che ovunque in Francia. In particolare si è distinto il gruppo di lavoro, davvero ampio, degli under 12. Ben 24 giovani atleti in campo, tanto da poter fare un quadrangolare di fantasioso rugby a sette con i sei francesi presenti. E va altrettanto detto che questi ultimi non hanno deluso le attese, così come nelle altre categorie: preparazione tecnica e fisica di prim’ordine e sicuro banco di prova per gli imperiesi. In ogni caso nel quadrangolare under 12 è risultata vincente una squadra composta solamente da locali e questo è motivo di vanto.

Molto importante è stato anche il confronto tecnico fra le rispettive batterie di allenatori e quindi il risultato è positivo a tutti i livelli, mentre Imperia e il suo pur spelacchiato “Pino Valle” si presenta come un effettivo centro elettivo di richiamo sportivo e turistico anche per il variegato mondo ovale. Importante momento conoscitivo anche per la neonata under 10, categoria da anni in forza all’Imperia Rugby, ma indubbiamente ancora molto acerba, essendo formata da bambini della classe 2010, quindi appena saliti dalla iniziatica under 8.

Ovviamente i pari età francesi, con molti elementi con un anno in più di esperienza, e a tutti i livelli, nel rugby, ciò ha un significato, hanno vinto ripetutamente le sequenze di partite poste in atto durante l’incontro. Però alcuni piccoli under 10 hanno messo a referto le prime mete e tutto ciò è una iniezione di fiducia. E così anche per la under 8. Del resto, la filosofia di base del rugby propaganda è il miglioramento: nel gioco, nel comportamento, nell’atteggiamento con il gruppo.

Ovviamente, al termine tutti in club house per il terzo tempo. Il prossimo evento per il settore giovanile targato Imperia Rugby  è la partecipazione dell'under 12 al torneo Webb Ellis di Mentone il prossimo sabato 13 ottobre. A Mentone, lo si ricorda, si trova la tomba di quel Webb Ellis che è indicato e ricordato come “fondatore” del gioco del rugby con il suo atto manuale di ribellione al gioco del dribbling game antenato del calcio. Siamo dunque nella culla della disciplina. Si giocherà “al tocco” delle due mani, con squadre di cinque giocatori. Imperia dovrebbe portare 30 e più atleti e dunque dare un segnale forte di quel che rappresenta il rugby per le giovani generazioni nel capoluogo provinciale e, con la franchigia Union Riviera, in Liguria occidentale.

Dopo il notevole esordio della Union Riviera Rugby under 18 domenica ultima scorsa, è la volta di under 16 e seniores. Si comincia con la seniores fuori casa e la under 16 in casa. In particolare la seniores è attesa dal terzo anno di militanza in serie C1. Inserita nella poule 2 del girone D, ligure piemontese, è di fatto unica ligure assieme al Savona e ai cadetti del CUS Genova, rispetto all’intero lotto. Si comincia però in Liguria, fuori casa e per un esordio al calor bianco alla Fontanassa di Savona. Partita ricca di incognite, sia per capire cosa riesce a portare in campo il Savona oltre la sua consueta aggressività, che si moltiplica nel derby, sia per verificare se il lavoro certosino imposto dai tecnici corsari, La Macchia e Pozzati, con la preparazione atletica di Marco Calzia, danno frutti immediati su di un gruppo collaudato nel quale, con il tempo, si avvierà l’innesto di meritevoli under 18.

Questi ultimi sono attesi alla conferma nel Levante, di fronte alla franchigia FGTI Rugby Ligues, di fatto una mista Recco-Spezia, in cui la costruzione atletico-tecnica recchelina è molto convincente. Il vero banco di prova, ulteriore, è per l’atteso esordio della under 16 sul terreno amico del “Pino Valle” ad Imperia. La Under 16 è da due anni il più interessante laboratorio di franchigia per la Liguria e anche uno dei più complessi nel contesto norditaliano. Considerando la difficoltà di spostamenti regionali, creare una squadra con elementi imperiesi e intemeli non è impresa da poco.

E si aggiungono anche i sanremesi. Nel rugby è possibile, l’impegno di fondo ad Imperia di Pallini e Trucco è importante, ma il lavoro di assemblamento, soprattutto con i tanti elementi dei Salesiani di Vallecrosia è in atto. La squadra è in grado di proporre anche il gioco più classico, avendo in dotazione pesi massimi in prima linea. La messa in prova è affidata ancora alla franchigia FGTI Ligues 1. Altra compagine mista, come detto “figlia” di una unione Recco-Spezia che ha dato i suoi frutti anche ad alti livelli e in una fase immediata. Dunque, impegno massimo. Appuntamento in questo caso ad Imperia alle ore 12.30 di domenica 14.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore