/ Pallanuoto

Pallanuoto | 17 ottobre 2018, 08:00

Pallanuoto, Serie A1 femminile. La SIS Roma di Marco Capanna inizia con un pareggio: "Volevamo vincere, il pareggio mi soddisfa in parte. Le favorite? Sarà un bel campionato"

Intervista all'ex tecnico della Rari Nantes Imperia dopo il 7-7 interno contro il Rapallo di Giulia Emmolo

Marco Capanna, prima stagione sulla panchina della SIS Roma dopo l'esperienza di Cosenza: ha vinto 1 Scudetto con la Rari Nantes Imperia

Marco Capanna, prima stagione sulla panchina della SIS Roma dopo l'esperienza di Cosenza: ha vinto 1 Scudetto con la Rari Nantes Imperia

SERIE A1 FEMMINILE

Sabato è scattato il campionato di Serie A1 femminile di pallanuoto che ai nastri di partenza vedeva tre atlete imperiesi al via: Giulia Gorlero (Ekipe Orizzonte Catania), Giulia Emmolo (Rapallo) e Giulia Cuzzupè (Bogliasco). Il portiere ha trionfato contro Torre del Grifo, l'ex Olympiakos è stata bloccata dal pareggio contro la SIS Roma, mentre la squadra della promettente attaccante mancina ha vinto sul F&D H20.

Capanna bloccato. Al via c'era anche Marco Capanna, ex allenatore scudettato della Rari Nantes Imperia, che guiderà in questa stagione la SIS Roma, dopo l'esperienza di Cosenza. Al debutto in campionato (dopo le partite di Coppa Italia) le giallorosse sono state fermate tra le mura amiche (7-7) dal Rapallo: abbiamo raggiunto ai nostri microfoni di rivierasport.it il coach che ha analizzato la situazione dopo questa divisione di posta.

 

Marco Capanna, alla prima giornata di campionato la sua SIS Roma ha pareggiato 7-7 contro il Rapallo: "Chiaramente volevamo vincere e vorremo solo vincere, perciò il pareggio giustamente mi soddisfa in parte. Ora bisogna essere molto equilibrati e analizzare passo dopo passo sapendo che è solo 7 settimane che lavoriamo e neanche tutte dall'inizio insieme".

Cosa l'ha convinto e cosa non ti ha convinto del debutto delle tue ragazze? "Sono molto orgoglioso dell'atteggiamento della squadra, della voglia di risultato, della compattezza nella difficoltà e di diverse fasi di gioco. Davanti avevamo una squadra forte che ha fatto una buona partita e che l’anno passato è arrivata terza perdendo solo due elementi, comprandone addirittura sei. Hanno un grande peso sui 2 metri offensivi e difensivi come caratteristica importante. La partita ha sofferto anche dell'emotività dell'esordio e ne è uscita un incontro altalenante con qualche errore di troppo sia in fase difensiva che offensiva. Sono state molto brave però le ragazze a fare un ennesimo parziale, il quarto tempo, basato su difesa forte, finendo con due palle vittoria nell'ultimo minuto".

Dove potete migliorare? "Lavoriamo duramente con solo tanta voglia di dimostrare, evitando pressione negativa sui risultati immediati. Vogliamo e sappiamo che cresceremo, abbiamo qualità che vogliamo trasmettere con uno spirito speciale e arrivare quadrati ai play-off". 

L'Ekipe Orizzonte Catania di Giulia Gorlero subito a valanga: sono loro le favorite secondo lei per questo scudetto? "Orizzonte e Padova erano favoriti l'anno passato e si sono entrambi rinforzati oltre ad avere meccanismi di anni e esperienza di partite importanti. Credo sarà un bel campionato, dove ci potranno essere partite avvincenti, anche nella fase finale".

Riccardo Aprosio

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium