/ Pallanuoto

Pallanuoto | lunedì 07 gennaio 2019, 14:09

Pallanuoto femminile. La SIS Roma trionfa nella Coppa Italia. Coach Marco Capanna si gode il successo: "Una grande soddisfazione"

L'ex allenatore della Rari Nantes Imperia lascia il segno anche nella Capitale

Marco Capanna, alla prima stagione sulla panchina della SIS Roma vince subito la Coppa Italia

Marco Capanna, alla prima stagione sulla panchina della SIS Roma vince subito la Coppa Italia

La SIS Roma targata Marco Capanna non sbaglia e trionfa nella Coppa Italia 2019 mettendo nella propria bacheca un prestigioso trofeo. La mano dell'ex tecnico della Rari Nantes Imperia scudettata si è vista e gran parte di questo successo è suo. Il giorno la vittoria per 6-5 sul Rapallo dell'ex allieva Giulia Emmolo, coach Capanna ci concede per noi di Rivierasport.it un'intervista.

 

Coach Capanna questa vittoria nella Coppa Italia 2019 è qualcosa di straordinario arrivata al primo colpo sulla panchina della SIS Roma: ha una dedica speciale? "Questa vittoria è di ragazze che lavorano duro con una splendida attitudine. La dedica è per il Presidente Giustolisi che ha creduto in me, per lo staff che lavora al mio fianco e un pensiero forte per Giancarlo Manna che aveva predetto questo quando insieme parlammo del mio trasferimento: glielo avevo promesso".

Quanto vale per voi questo trionfo? "Vale il giusto. E' una soddisfazione, dà credito e consapevolezza a ciò che ci diciamo e facciamo in acqua ogni giorno. La strada è lunga e abbiamo tanti margini".

In questo trionfo quanto c'è di Marco Capanna? "C’è la mia parte, come quella di ognuna delle ragazze, della società. Abbiamo scelto di avere una certa identità, attitudine, spirito e cerchiamo di sentirci sempre di più questo vestito addosso".

Prossimo passo lo Scudetto? "Quando lavori e chiedi sacrifici a tante persone hai la responsabilità di inseguire sempre i sogni massimi, lavorarci, provare a mettere qualcosa di speciale con tanta tanta umiltà. Certo che cercheremo di arrivare ai playoff ed essere squadra sempre più tosta che lotta per vincere".

Riccardo Aprosio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore