/ Calcio

Che tempo fa

Cerca nel web

Calcio | 12 marzo 2019, 17:39

Calcio. Atletico Argentina, a tu per tu con il Presidente Luigi Minti: "Siamo un'isola felice. Il futuro? Sono già al lavoro con tutto lo staff per continuare la nostra ascesa"

Intervista al numero uno del sodalizio rossonero che ha in mente molti progetti interessanti

Luigi Minti, Presidente dell'Atletico Argentina

Luigi Minti, Presidente dell'Atletico Argentina

In casa Atletico Argentina l'entrata di nuovi soci ha regalato molto entusiasta. Il Presidente Luigi Minti è soddisfatto e fa il punto della situazione a Rivierasport.it con un'intervista.

 

Presidente, la stagione volge al termine: qual è il suo bilancio? "E' stato un anno impegnativo e ricco di soddisfazioni. Dal 6 luglio, data di fondazione dell’Atletico Argentina, i successi ottenuti sono considerevoli. La nostra Prima squadra, iscritta al Girone A della Seconda Categoria, sta ben figurando e il nostro Settore giovanile conta circa 130 ragazzi. Non proprio uno scherzo per una Società nata 6 mesi fa. Ho poi potuto accogliere nei giorni scorsi in Società Alessandro Binello, Luigi De Mare e Giorgio Toniolo; persone giovani, competenti e con tanta voglia di fare. Un Presidente che ama la sua Società non può chiedere di meglio".

Come è stato possibile tutto questo? "In primo luogo devo ringraziare tutti i dirigenti, i membri dello staff e i calciatori: senza il loro contributo non avrei mai potuto coordinare la realizzazione della bella realtà che si vive ogni giorno ad Arma di Taggia. Mi piace definire l’Atletico Argentina un’Isola felice, un luogo dove con rispetto e determinazione si lavora tutti insieme per un obiettivo comune senza personalismi o invidie. Il motore di tutto questo è la passione per lo sport e per la città. A questo proposito devo ringraziare il sindaco Mario Conio, tutta l’Amministrazione comunale e il sempre presente Mauro Albanese: dal primo giorno hanno riposto in noi grande fiducia.

Come dicevo poco sopra, il grande merito va a tutte le persone che frequentano lo 'Sclavi' quotidianamente per rendere sempre migliore la nostra Società. Partirei dall'unica Signora, Samantha Franceschi, autentica factotum del magazzino e della lavanderia. Non posso poi dimenticare Ninetto Sindoni, il Presidente onorario Franco Merogno, il Direttore Generale Angelo Fameli, i responsabili dell’ufficio Ivano Napolitano ed Eugenio Parodi, i dirigenti collaboratori Michele Guerriero, Giuseppe Cusimano, Luca Rangoni, Ugo Palagi".

Veniamo al Settore giovanile, autentica perla della nuova gestione: "Avere ogni giorno decine di ragazzi che calcano i nostri campi per imparare i valori dello sport è per me un onore. Quest'anno 130 famiglie del territorio hanno affidato a noi l’educazione sportiva dei loro figli e questo non può che essere un orgoglio. Tutte le nostre squadre giovanili stanno ben figurando nei rispettivi campionati e possiamo già vantare l’organizzazione di due tornei giovanili. L'ultimo, svoltosi allo 'Sclavi' l'8 dicembre scorso, era riservato a giovani calciatori nati nel 2009 e nel 2010: 18 squadre partecipanti, 200 giovani impegnati sui campi, più di 30 partite in una sola giornata. Un successo senza precedenti.

Anche qui devo ringraziare i miei collaboratori, primi fra tutti Claudio Fiuzzi e Alessandro Binello, Responsabili tecnico e organizzativo del Settore Giovanile, seguiti dai nostri allenatori e collaboratori: Claudio Pignotti, Andrea Izetta, Roberto Santamaria, Fabrizio Lanteri, Ivan Miatto, Ferdinando Eulogio, Lorenzo Izetta, Luca Fiuzzi, Giorgio Toniolo e Marco Cassini".

Cosa aspettarsi nel prossimo futuro? "Sono già al lavoro con tutto lo staff per continuare la nostra ascesa. L’obiettivo della Prima squadra è la promozione in I Categoria. Abbiamo un grande gruppo con a capo Giampiero Pesante e Santino Alessi, ottime guide tecniche, siamo al momento in testa alla classifica, seppur con una partita in più, e l’ultima partita ci ha visti prevalere 2-1 sul Borgio Verezzi. Ritengo di avere tutti i presupposti per guardare con positività al finale di stagione.

L'obiettivo del Settore giovanile è invece quello di crescere sia sotto il profilo quantitativo sia sotto quello qualitativo. Nella prossima stagione mi piacerebbe raggiungere la quota dei 200 iscritti e figurare positivamente in tutti i campionati. Nel giro di qualche stagione il nostro settore giovanile dovrà garantire energie fresche alla prima squadra, realizzando un percorso formativo che accompagni i ragazzi all’insegna dei colori rossoneri per tutta la loro carriera sportiva".

Ci sono iniziative 'in cantiere'? "Le idee sono molte, alcune delle quali rivolte ai giovani calciatori. Per esempio siamo al lavoro per un torneo giovanile previsto il prossimo 20 aprile allo 'Sclavi' dedicato alla memoria di Domenico Mangolini che vedrà partecipare giovani calciatori nati nel 2011 e 2012. Per l'estate ho in mente un campus estivo in collaborazione con la Sampdoria, un’importante squadra di Serie A con la quale stiamo perfezionando gli accordi: l’obiettivo è di portare ad Arma di Taggia molti ragazzi e supportarli nel percorso di crescita offrendo loro le competenze di tecnici qualificati".

Riccardo Aprosio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium