/ Sport acquatici

Sport acquatici | 30 giugno 2019, 12:34

Vela: quattro atleti dello Yacht Club Sanremo ai mondiali di Vela 420 da domani in Portogallo (Intervista)

Si tratta di Tommaso Cilli, Eugenio Di Meco e Davide Manica, insieme al genovese Bruno Mantero, anche lui tesserato per lo Yacht Club Sanremo.

Tre sanremesi, insieme ad un genovese, da domani saranno in Portogallo per cimentarsi con altri 120 equipaggi provenienti da tutto il globo, nel campionato del Mondo della classe 420 di vela, barca che fa da anticamera alla pratica olimpica del 470. Si tratta di Tommaso Cilli, Eugenio Di Meco e Davide Manica, insieme al genovese Bruno Mantero, anche lui tesserato per lo Yacht Club Sanremo.

Tommaso Cilli è sicuramente il più esperto, visto che da tempo ha già partecipato a tante gare internazionali. “Questo sport ci porta sempre a grandi viaggi ed esperienze ed ogni anno in diverse zone del mondo. Siamo carichi, anche se c’è molta tensione. Vogliamo dare il meglio, tenendo alto il nome della Liguria in tutto il Mondo. Con me ci sarà il genovese Bruno Mantero, con il quale gareggiamo da oltre 4 anni, visto che gareggiavamo sull’Optimist ed ora siamo insieme”.

Per Eugenio Di Meco, invece, sarà l’esordio in una gara internazionale: “Per me è la prima esperienza in una regata di questa importanza e ci impegneremo al massimo. Con me ci sarà un altro sanremese, Davide Manica, che è con me da un anno e mezzo”. Il Mondiale durerà 6 giorni, con due prove al giorno: “Sarà una regata lunga e stancante – termina Di Meco - ma sarà importante riuscire arrivare fino alla fine con grande concentrazione e dare il massimo”.

A salutare ed incoraggiare i tre atleti c'era anche l'Assessore allo Sport, Alessandro Sindoni“Siamo orgogliosi dei nostri ragazzi, che partono oggi dallo Yacht Club Sanremo - ha detto - e spero innanzi tutto che si divertano. Poi se riescono anche a portare dei titoli sarebbe bellissimo. Sono venuto oggi ‘al volo’ ed in costume per incoraggiarli e far loro un grande in bocca al lupo. Loro fanno sport e, a quest’età è già un grande sacrificio. Quindi un grande complimento”.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium