/ Pallanuoto

Pallanuoto | 01 ottobre 2019, 10:31

Pallanuoto. Rari Nantes Imperia, intervista a Franco Brioglio: "Due anni fa avevamo il terzo vivaio in regione con giovani interessantissimi e vogliamo tornare almeno a quei livelli"

Le parole del Responsabile del nuoto giallorosso

Pallanuoto. Rari Nantes Imperia, intervista a Franco Brioglio: "Due anni fa avevamo il terzo vivaio in regione con giovani interessantissimi e vogliamo tornare almeno a quei livelli"

Franco Brioglio è una figura storica della Rari Nantes Imperia e di tutto lo sport imperiese, non a caso è insignito della Stella di Bronzo al Merito Sportivo CONI.

La sua visione da esperto ed il suo apporto tecnico sono fondamentali nel panorama natatorio giallorosso: a partire dai corsi Scuola fino alle squadre agonistiche. Brioglio è il Responsabile del Nuoto della Rari Nantes Imperia.  La stagione 2019/2020 sta per entrare nel vivo con le gare che impegneranno gli alteti. In attesa di riprendere a nuotare nelle corsie della Cascione, la società imperiese ha dislocato gli allenamenti degli agonisti tra le piscine della Provincia.

Nonostante lo sforzo, non manca il sorriso a staff ed atleti e nemmeno a Franco che guarda con fiducia al futuro: "Finalmente avremo di nuovo la squadra dei "Categoria" targata Rari ed affidata a Davide Dreossi. Avremo una quindicina di atleti e buone prospettive, a livello regionale e speriamo anche oltre". 

Il settore è dunque in allargamento, confermando le squadre Esordienti A e B: "Saremo 'nomadi' fino a fine anno per i noti lavori di ristrutturazione dell'impianto e dobbiamo allenare negli impianti del comprensorio in orari scomodi: un disagio che la società cerca in tutti i modi di rendere sopportabile".

La Rari, da sempre, punta forte sui giovani che vogliono avvicinarsi al mondo del Nuoto, allenandosi in un ambiente sereno e tranquillo. Pur tenendo alta l'asticella agonistica: "Crediamo molto nei nostri giovani. Avevamo creato un sistema che non producesse solo un atleta fortissimo ogni tanto ma un'organizzazione per cui fosse la normalità. Due anni fa avevamo il terzo vivaio in regione con giovani interessantissimi e vogliamo tornare almeno a quei livelli, ovviamente col tempo necessario".

Franco Brioglio, nella sua decennale carriera a bordovasca, è stato anche tecnico-accompagnatore della squadra femminile di pallanuoto che ha raggiunto l'ultima promozione in A1. Insomma, 'Brio' è l'emblema di una grande sinergia tra i settori giallorossi: "La mia militanza sotto varie forme in entrambi i settori, collaborando anche tecnicamente con la pallanuoto femminile (indimenticabile la promozione in A1 al fianco di Paolo Ragosa, un onore per me lavorare con lui, Merci e con le molte ragazze del vivaio) è già una risposta esaustiva. Se Angelica Amoretti, come credo, diventerà una valida pallanuotista come successo prima a Laura Drocco, noi del settore nuoto saremo orgogliosi di aver contribuito". 

Brioglio, sull'onda della coesione tra le discipline, fornisce un focus dettagliato del lavoro da fare sui giovani sportivi: "Io credo fortemente, come i miei due colleghi responsabili degli altri settori sportivi, nel vivaio unico in cui già da preagonisti si possano apprendere le basi delle nostre due discipline (nuoto e pallanuoto). Seguendo il noto principio che un bagaglio motorio più completo e variato, acquisito da giovanissimi, stia alla base delle potenzialità di un atleta evoluto. Ma rispettando sempre e dandone la possibilità, chi vorrà iniziare a praticare intanto una sola delle discipline".

Nella stagione 2019-2020, le novità saranno tantissime: dall'impianto rinnovato ai nuovi incarichi dirigenziali. Con occhio esperto 'Brio' commenta l'annata che sta entrando nel vivo: "Vedo bene la separazione tra il settore commerciale e quello sportivo. Ciò  permetterà di sfruttare meglio le risorse umane (e non solo) disponibili, oltre alla creazione di organismi a supporto del Consiglio Direttivo per meglio monitorare l'andamento delle attività sportive e non. Anche se per ora sembra più "un'unità di crisi" che affronta quotidianamente le note problematiche di non avere l'impianto a disposizione".

Franco Brioglio chiude l'intervista con una nota positiva sul nuovo assetto societario: "L'ascolto degli stakeholder, la sostenibilità, l'essere presenti nel sociale e sui social network, essere raggiungibili sono obiettivi primari ed il Presidente col Consiglio Direttivo e, per la parte sportivo-organizzativa, un lusso come Enrico Anghilante, sono attentissimi a questa mission. Sono contento di essere stato inserito in più ruoli di questo ambizioso progetto: mi sono subito messo a disposizione con l'entusiasmo e le competenze che mi hanno sempre contraddistinto".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium