/ Atletica

Atletica | 07 novembre 2019, 10:19

Sanremo: polemiche sulla pista di atletica, Gianfranco Adami risponde alle affermazioni della A.S. Foce

“Le tariffe sono state calcolate sulla base delle spese annue presunte che il gestore dovrà affrontare e che risultano enormemente più basse rispetto ai limiti previsti dal Comune in sede di bando”

Sanremo: polemiche sulla pista di atletica, Gianfranco Adami risponde alle affermazioni della A.S. Foce

Dopo le polemiche sollevate nei giorni scorsi in merito ai costi della pista di atletica di Pian di Poma, oggi interviene Gianfranco Adami che ripercorre la cronistoria dell'affidamento.

 

Cogliamo l’occasione dell’articolo uscito il 1 novembre, circa la polemica sollevata dall’A.S. Foce, nella persona del prof. Bertellotti, in relazione ai costi per l’utilizzo della pista di atletica di Sanremo.
Questa risposta non vuole assolutamente sollevare ulteriori polemiche o innescare dibattiti tra società sportive, non fa parte del nostro DNA, però riteniamo doveroso e necessario un chiarimento a tutti i cittadini, agli sportivi e, soprattutto, al Direttivo della A.S. Foce ed alle numerose famiglie dei bambini e ragazzi che affidano i propri figli alla A.S. Foce per svolgere l’attività sportiva e che adesso, stando alle parole scritte, si vedrebbero danneggiati e costretti a portare i loro ragazzi in trasferta ad Imperia.
Prima di tutto è bene presentarci, in modo che tutti sappiano chi sono i “privati che hanno l’obiettivo di lucrare sull’impianto sportivo” .

Chi oggi ha la gestione della pista di atletica è un’Associazione Sportiva Dilettantistica denominata Sanremo Sport & Tourism costituita a sua volta da quattro Società Sportive operanti sul territorio comunale e precisamente: l’A.S.D. Pro San Pietro Sanremo, l’A.S.D. Atletica Sanremo, l’A.S.D. Sanremo Rugby e la A.S.D. Polisportiva Integrabili.

Fanno quindi parte dell’ASD Sanremo Sport & Tourism due società sportive operanti nella disciplina dell’atletica leggera, una di rugby ed una polisportiva che si occupa di coinvolgere in diverse discipline sportive atleti con disabilità. La storia di queste associazioni e le persone che le compongono sono note al mondo sportivo e quindi non si ritiene necessario elencarle.

Queste associazioni si sono riunite “naturalmente”, dando ufficialità a quanto già operavano disgiuntamente da sempre: obiettivi comuni, collaborazione tra loro, organizzazione di manifestazioni sportive, promozione dell’attività sportiva, divulgazione dell’attività sportiva come “stile di vita” prima ancora che come “attività agonistica” in senso stretto.

Ora si elencano i passaggi che hanno interessato la gestione della pista di atletica.
L’assegnazione da parte del Comune di Sanremo deriva da diversi passaggi che iniziano nel 2016 con una prima “indagine ricognitoria” rivolta alle società sportive locali eventualmente interessate alla gestione ed alla contestuale valorizzazione della nuova pista di atletica.
Nel 2019, dopo qualche anno di affidamento alla Cooperativa Vitruvio, il Comune ha pubblicato un bando pubblico ufficiale con una richiesta di “Manifestazione di Interesse” per la gestione della struttura e, in tale documento, erano già contenute tutte le clausole (diritti e doveri) poi contenute nel successivo bando di affidamento a cui il gestore si sarebbe dovuto attenere.
Le varie società sportive che, di fatto, utilizzavano già la struttura si sono riunite in una nuova Associazione Sportiva con una finalità comune di gestire la nuova struttura sportiva, potenziandola nel tempo, valorizzandola, facendola diventare un “fiore all’occhiello” della proposta sportivo-turistica di Sanremo. L’AS Foce, nonostante diversi tentativi di coinvolgimento, per sua scelta, ha preferito non aderire a tale “sodalizio” partecipando comunque da sola alla “Manifestazione di Interesse” pubblicata dal Comune.
Dopo la pubblicazione della “Manifestazione di Interesse”, avendo ricevuto partecipazione al bando, il Comune ha pubblicato la “gara” vera e propria per l’affidamento della struttura che è stata assegnata, appunto, alla A.S.D. Sanremo Sport & Tourism.

Tutta questa cronistoria, presumo noiosa, è stata necessaria ricordarla per fare chiarezza e ricordare i passaggi che oggi hanno portato l’ASD Sanremo Sport & Tourism a gestire la pista di Atletica.
Nel bando di affidamento sono previsti tutti gli adempimenti ed oneri a carico del gestore che, per completezza di informazione, si elencano sinteticamente: un canone annuo di affidamento da corrispondere al Comune di Sanremo, l’onere di tutte le manutenzioni ed interventi ordinari, l’onere dell’apertura, chiusura e custodia dell’impianto, la pulizia, lo sfalcio del prato, la stipula di polizze fidejussorie e polizze di assicurazione contro incendio e di assicurazione per danni a terzi, tassa sui rifiuti solidi e urbani, in cambio il gestore, da bando, ha la possibilità di richiedere un contributo agli utilizzatori quale rimborso per il ritorno delle spese previste fissando delle soglie massime oltre le quali non si può andare.

Il gestore ha quindi redatto una “tabella” prevedendo delle tariffe da applicare agli utilizzatori dividendoli prima in “atleti singoli” o “società”. Per le Società la tabella tiene poi conto del numero di atleti appartenenti alla Società stessa, al numero di mesi di richiesta di utilizzo della struttura, di quali parti della struttura la Società intende utilizzare (pista, campo in erba, palestra) per lo svolgimento della propria attività. Le Tabelle sono state inviate al Comune per un preventivo esame ed una massima trasparenza.

Si sottolinea che le tariffe sono state calcolate sulla base delle spese annue presunte che il gestore dovrà affrontare e che risultano enormemente più basse rispetto ai limiti previsti dal Comune in sede di bando. Contrariamente a quanto affermato nessuno vuole “lucrare” alle spalle delle associazioni sportive ma le cifre richieste corrispondono ad una quota di co-partecipazione alle spese per la gestione della struttura.

Le associazioni sportive che compongono la Sanremo Sport & Tourism sono le prime utilizzatrici dell’impianto e le prime - anzi ad oggi le uniche - che hanno corrisposto il contributo secondo le citate tabelle.

Per fare un esempio concreto, un ingresso giornaliero per un atleta che vuole utilizzare la struttura è stato fissato in 2 euro al giorno comprendente anche utilizzo di palestra, spogliatoi, docce e servizi fate un paragone con qualsiasi altra situazione sportiva di vostra conoscenza.

Si spera, quindi, di aver fatto chiarezza su quanto provocatoriamente affermato nel precedente articolo. Qualora in futuro la dirigenza dell’AS Foce, qualsiasi utente o qualsiasi società sportiva voglia usufruire della pista di Atletica per lo svolgimento della propria attività, può mandare comunicazione al seguente indirizzo mail: sanremost19@gmail.com e sarà nostro piacere fornire tutte le spiegazioni, cercare di soddisfare tutte le esigenze e fornire le indicazioni per ogni caso specifico.

Sperando di aver fatto chiarezza in relazione al problema sollevato vi aspettiamo numerosi alla Pista di Atletica.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium