/ Calcio

Calcio | 11 novembre 2019, 10:00

Calcio, Seconda Categoria. Atletico Argentina, poker al Riva Ligure e primato in tasca. Maiano: "Era importante trovare continuità. Il calo sul 4-0? Bisogna migliorare nella gestione delle partite"

Rossoneri in testa con Oneglia Calcio, Academy Albissola e Virtus Sanremo

Christian Maiano, allenatore dell'Atletico Argentina con Demare

Christian Maiano, allenatore dell'Atletico Argentina con Demare

L'Atletico Argentina scatta in testa al campionato di Seconda Categoria, anche se in coabitazione con Oneglia Calcio, Academy Albissola e Virtus Sanremo.

In un torneo dove può succedere di tutto, i rossoneri hanno il pregio di vincere le prime tre partite su quattro e cominciare a realizzare gli schemi di un Christian Maiano, valore aggiunto di questa compagine: al nostro quotidiano online il tecnico rossonero analizza il 2-4 realizzato sul campo del Riva Ligure.

Mister Maiano, è arrivata contro il Riva Ligure una vittoria fondamentale che vi proietta intesta anche se in coabitazione: sei soddisfatto? "E' importante trovare continuità nei risultati e nelle prestazioni. Ed è importante rimanere nel gruppo di testa. Ma non credo sia fondamentale essere davanti ora, i campionati si vincono in primavera. Sono molto soddisfatto dei ragazzi e del risultato".

Il calo dopo il vostro 4-0 come lo giudichi? "Sul 4-0 dopo un'ora di partita ci siamo rilassati, forse troppo. Ma non va dimenticato che siamo alla terza partita in otto giorni, due delle quali su uno Sclavi pesante: ci può il tirare i remi in barca. L'unica cosa sbagliata da far notare ai miei ragazzi è che bisogna migliorare nella gestione delle partite. Sul 4-0, con un po' di stanchezza, bisogna abbassare i ritmi e gestire meglio il pallone. Però questa è solo una virgola, posso solo essere contento e soddisfatto di tutta la squadra e di quello che sta iniziando a venir fuori".

Lorenzo Vecchiotti ha avuto quattro giorni importanti: cosa è cambiato per lui? "Il ragazzo è sereno. Deve solo capire i giusti spazi da occupare e attaccare in campo. Quando lo fa, diventa importante".

Riccardo Aprosio

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium